Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze. Leggi l'informativa completa

HomeLife

Realtà Aumentata anche per Smart Watch

Metaio-ar 01Metaio annuncia la prima soluzione per il riconoscimento di oggetti pensata per uno Smart Watch. Dal video si evince come una app che si occupa di salute e stili di vita basata sul riconoscimento tramite visione, pensata per dispositivi indossabili, che implementi tecnologia Metaio, possa permettere l'acquisto o l'ordine a domicilio di semplici prodotti.
I produttori di Smartwatch stanno ancora cercando un equilibrio fra semplicità e funzionalità. Aggiungendo la funzionalità di riconoscimento tramite inquadratura è finalmente raggiunto l'obiettivo di rendere l'interazione con lo Smartwatch più veloce ed efficiente. Usando la camera di uno Smartwatch, gli utenti possono prendere immagini tramite il telefono associato, e cercare dei riferimenti online usando la tecnologia di ricerca visuale Metaio. Quando si trova un riferimento, l'applicazione fornisce dei dati veloci sullo smart watch, o informazioni più dettagliate sullo smartphone.
Secondo il CEO di Metaio, il Dr. Thomas Alt "Quando diamo a telefoni ed occhiali inteligenti l'opportunità di guardare il mondo che c'è loro intorno, apriamo delle enormi potenzialità per tutti i tipi di applicazioni mobile. "Vediamo come gli Smart watch stanno per diventare una grossa fetta della rivoluzione del mobile computing, quindi vogliamo essere sicuri di portare la potenza della visione computerizzata e della realtà aumentata per questo formato di prodotti."
Ci sono milioni di oggetti nel nostgro ambiente che possono essere scansionati da un dispositivo smart, ma non sempre è pratico per gli utenti estrarre lo smartphone dalla tasca. Porre quindi sul cinturino di uno smartwatch le potenzialità di ricerca visuale e realtà aumentata già presenti su applicazioni esistenti è quindi uno degli obiettivi.
Metaio presenta un video che mostra una demo funzionante di un'applicazione per la salute personale. Piuttosto che inserire manualmente le informazioni nutrizionali, l'utente scansiona la confezione dell'alimento che sta consumando, ed automaticamente viene compilata una agenda nutrizionale quotidiana sul dispositivo associato. Il dispositivo mostra anche lo smartwatch utilizzato per acquisti al dettaglio, scansionare prodotti per velocizzare l'acquisto o la richiesta di consegna a domicilio.
Secondo Metaio, questa tecnologia può essere implementata su smart watch esistenti attualmente sul mercato, e mostrerà una demo funzionante dell'applicazione alla prossima conferenza InsideAR Munich, il 29 e 30 Ottobre.
Leggi l'intervista con Thomas Alt su TechCrunch: "Il CEO della Metaio Thomas Alt parla di realtà aumentata per smartwatch, Google Glas e altri"
 

Shopping su Amazon in Realtà Aumentata

0Amazon conferma la sua fama di azienda sempre pronta a sfornare idee nuove ed attraenti, inserendo anche la RA fra le frecce al suo arco. Già dotata di una app per iOS ed Android, ha aggiunto una particolare funzione, denominata Flow, per ora per i soli dispositivi con iOS 7.
Grazie a questa particolare funzione, sarà possibile inquadrare un qualsiasi oggetto e, se questo è presente nei cataloghi Amazon, appariranno su schermo tutte le informazioni necessarie, foto, caratteristiche, ed il prezzo per l'acquisto, oltre le opzioni acquista ora, aggiungi al carrello o inserisci in una wishlist.

Realtà Aumentata contro il fumo passivo

SECOND HAND SMOKE-LW018Campagna scozzese contro il fumo passivo.
Il governo scozzese sta utilizzando in maniera sperimentale le tecnologie RA per una campagna che mette in evidenza i pericoli del fumo passivo.
Scopo della campagna, la prima al mondo di questo genere, è quello di abbassare di 6 punti percentuali i giovani dai 12 anni esposti ai rischi del fumo passivo.
Il governo scozzese ha appaltato alla compagnia di marketing Kommando il compito fi portare la campagna in RA nelle strade; grazie alla Realtà Aumentata, guardando in un soggiorno vuoto attraverso lo schermo di un tablet, si potranno vedere gli effetti dannosi dei reagenti chimici generati dalle sigarette.
Jill Walker, capo dell' ufficio della salute pubblica scozzese, ha detto: "Da alcune ricerche sappiamo che il nostro target di riferimento pensa di tutelare i propri cari non fumando in loro presenza, o aprendo le finestre quando fumano.
Solo perché non lo vedi, non vuol dire che non sia lì. La Realtà Aumentata ha portato in vita gli effetti dannosi del fumo passivo, e ha davvero incoraggiato i genitori a pensarci due volte, prima di accendersi una sigaretta in casa"
L'agenzia Kommando ha lavorato sulla campagna con Story UK.

Porsche in Realtà Aumentata

rsz 1engageapp1Un ulteriore passo avanti per il marketing automobilistico, questa volta firmato Porsche. Per promuovere il lancio del modello Panamera, rilasciato in Medio Oriente, la nota azienda automobilistica ha dotato i propri rivenditori di tablet con una app in RA, che aiuta i potenziali acquirenti a scoprire le caratteristiche del veicolo.
Inquadrando la vettura con l'apposito iPad, su schermo è possibile leggere una serie di informazioni riguardanti la parte di auto inquadrata, effetto possibile grazie ad appositi sensori posti all'interno del veicolo che si sincronizzano con l'applicazione, permettendo una visualizzazione del solo contenuto di interesse.
Non solo giochini ed utilità per il grande pubblico, ma anche applicazioni di forte interesse pratico, anche questo è possibile trovare sullo store apple.
Il suo nome è MITK pille, ed è una applicazione che, tramite l'utilizzo della Realtà Aumentata, riesce ad aiutare i medici del German Cancer Reasearch Center di Heidelberg durante delicate operazioni di chirurgia.
Com'è possibile vedere dal video, i medici hanno l'opportunità di visualizzare sullo schermo del loro iPad una immagine in RA del contenuto della sezione anatomica di cui si stanno occupando, facilitando di fatto l'esecuzione dell'operazione stessa. I futuri sviluppi di questo tipo di tecnologia avranno l'obiettivo di aumentre le percentuali di successo di operazioni particolarmente delicate.

VIDEO - Successone degli Schermi Giganti AR in Ucraina

vlcsnap-2012-02-16-18h41m18s243Dal 7 al 14 Gennaio, "Ukraine", una stazione televisiva ucraina, ha lanciato una campagna promozionale "A Happy New Year Ukraine" nelle piazze di tre diverse città, per familiarizzare con il pubblico e farsi conoscere.
 
La società 1 + 1 Video Design ha realizzato delle installazioni promozionali nei centri commerciali delle città, con protagonista un pupazzo di neve sorridente e giocoso che ha preso parte a giochi e festività natalizie. Tutte le immagini scelte erano visualizzate su schermi al plasma dove i clienti potevano non solo guardare ma anche interagire fisicamente. I clienti hanno disegnato sugli schermi, catturato pesci e addobbato l'Albero di Natale, e hanno portato a casa foto e ricordi di questa memorabile esperienza virtuale con il pupazzo di neve AR.

Un gioco per curare la sindrome dell'arto fantasma

index 1La sindrome dell'arto fantasma è una sindrome che colpisce chi è mancante di uno o più arti, ma che percepisce comunque delle sensazioni da quella parte di corpo che risulta mancante. Una delle terapie più utilizzate è quella che consiste nell'utilizzare uno specchio per riprodurre la presenza dell'arto mancante, in modo da dare al cervello l'illusione della sua persistenza.
Partendo da questa stessa idea, il ricercatore Max Ortiz Catalan sta sperimentando una nuova terapia, proprio grazie alla RA. A beneficiarne è stato un uomo di 72 anni con un braccio amputato. Il ricercatore ha posto degli elettrodi sul moncone, che permettessero di ricreare su schermo l'arto mancante. In seguito, ha permesso di utilizzare questo arto virtuale tramite un gioco di corse automobilistiche, in modo da sviluppare una percezione più complessa dell'arto mancante rispetto alla semplice visione di un arto in uno specchio. Ebbene, dopo alcuni mesi di questa terapia, pare che i risultati siano ottimi, tanto da convincere il ricercatore a far continuare la terapia al proprio paziente direttamente a casa propria.

Pepsi conquista le fermate del Bus con l'AR

Locandine di concerti, eventi e prodotti, campagne promozionali, elettorali e sociali. Chi non ha occupato i tempi di attesa alla fermata leggendo o curiosando le varie possibilità che offre e ha sempre offerto una fermata dell'autobus?
Un luogo perfetto per sperimentare nuovi modi di far conoscere e nuove tecniche di pubblicità. Pepsi non si è fatta attendere e ha installato uno schermo al posto di una delle pareti trasparenti di una comune fermata dell'autobus. L'effetto potrà essere divertente o sconcertante, ma di certo è sorprendente. La campagna pubblicitaria di Pepsi Max, grazie alla realtà aumentata, ha coinvolto le persone in attesa alla fermata del bus. Guardate le loro reazioni.

La realtà aumentata aiuta a vendere

Con i decenni che passano la pubblicità ha fatto grossi passi in avanti. La promozione, tassello cardine di un mondo basato sul mercato, è sempre riuscita a stare al passo con i tempi, sfruttando e a volte implementando le possibilità delle nuove tecnologie.
Uno studio inglese ha dimostrato, infatti, che le promozioni dei prodotti realizzate con l'ausilio della realtà aumentata, catturano l'attenzione del cliente molto più di quanto non lo facciano le tradizionali campagne promozionali. Per dirla in breve: la realtà aumentata crea più potenziali clienti.
 
Ecco i risultati:
 
Tempo medio trascorso guardando / interagendo con l'annuncio:
Tradizionale: 12 secondi – AR marketing 83 secondi.
 
Intenzione all'acquisto:
Tradizionale: 45% – AR marketing 74%
 
Stima del prezzo di vendita del prodotto:
Tradizionale: 5.99 – AR marketing 7.99
 
Ecco invece le percentuali di aumento di ogni singola voce grazie alla realtà aumentata:
 
Tempo medio trascorso guardando / interagendo con l'annuncio:
Aumento del 691%
 
Intenzione all'acquisto:
aumento del 164%
 
Stima del prezzo di vendita del prodotto:
aumento del 133%
 
I risultati sono evidenti e i numeri parlano chiaro. Stando alla ricerca inglese pare sia il livello emozionale a influenzare i potenziali acquirenti. Un velo di emozione generato dalle capacità di immersione della tecnologia AR che coinvolge e cattura l'attenzione dei clienti.

[show reel] Giochi AR e molto altro su schermi giganti

giantscreenLa Realtà Aumentata è la grande novità del mercato di strada e sta spuntando ovunque, quando meno te lo aspetti! Dal piccolo centro commerciale in Asia, ai grandi centri in Europa; i giochi AR interattivi fanno muovere tutti, a qualsiasi età. Guarda come la folla balla e si diverte interagendo su schermi giganti, con le innovative possibilità di interazione dinamica fornite dalla Realtà Aumentata.
Pagina 1 di 3
Go to top