Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze. Leggi l'informativa completa

Sixth Sense, il telefono è la tua mano

sixthsense02Pranav Mistry, 33 anni e un genio creativo in continua evoluzione, ha sviluppato una tecnologia che chiama Sixth Sense, sottolineando come i cinque sensi da soli non bastano per le esigenze contemporanee. Grazie a questo dispositivo, composto come nell'immagine presentata in alto, saremo collegati al nostro telefono cellulare e potremo svolgere le sue funzioni con le nostre mani. Esatto: potremo trattare pressoché qualsiasi superficie come un'interfaccia, scattare foto usando soltanto le nostre dita, chiamare qualcuno digitando il numero opportuno sul palmo della nostra mano e svolgere tante altre azioni alla stregua del visionario.

Rivoluzionaria interfaccia Fujitsu

Touchscreen-interface-for-seamless-data-transfer-fujitsu-touchscreenLa nota azienda Fujitsu ha messo a punto una nuova interfaccia all'avanguardia con i continui progressi tecnologici. Grazie a questo dispositivo preciso ed affidabile sarà possibile interagire con qualsiasi documento reale, come libri e giornali, nello stesso modo in cui ci si approccia ad uno schermo touch con tutti i vantaggi che ne possono derivare.
Un'idea futuristica alla stregua della fantascienza.

Ritot, l'orologio dei sogni

RitotVi siete mai chiesti come sfruttare tutto quello spazio inutilizzato sulla vostra mano?
Beh, a quanto pare è un quesito che ha assillato le menti che hanno creato un nuovo e avveniristico dispositivo di realtà aumentata: Ritot.
Ritot si presenta come un comodo ed elegante bracciale che, una volta sincronizzato con il proprio smartphone, sarà in grado di proiettare orario, notifiche di chiamate e di messaggistica ed altre utili funzionalità direttamente sul dorso della mano, proprio come un tatuaggio digitale.
Di una praticità fuori dal comune esso è in grado di utilizzare la modalità vibrazione e di fungere da sveglia; ricoperto di pratico cuoio, è disponibile in bianco e nero.

Vuzix M100 Smart Glasses

VuzixM100-product-showcaseGoogle non è l'unica azienda ad aver sviluppato degli occhiali basati sulla tecnologia di realtà aumentata.
Vuzix infatti ha messo in commercio il suo modello M100 Smart Glasses che apre nuove opportunità negli ambiti industriali, medici, gestione dei materiali e molti altri.
Il Vuzix M100 Smart Glasses è a tutti gli effetti un computer indossabile basato su tecnologia Android, provvisto di una lente con display in alta definizione computerizzato incorporato, capace di riprodurre immagini o video registrati dallo stesso dispositivo, creare una agenda di impegni egregiamente organizzata, interagire con il proprio telefono cellulare Android ed ampliare la propria biblioteca di apps in modo da soddisfare qualsiasi bisogno tramite una soddisfacente realtà aumentata. Il sistema è provvisto anche di tecnologia Bluetooth 4.0 e di un sistema GPS in grado di aprire nuovi orizzonti di consapevolezza sensoriale dell'ambiente che ci circonda.

Sul Web con la Realtà Aumentata

1623705 655063197885423 878048510 nGrazie a William Steptoe ed al suo team, ricercatori allo University College di Londra, forse fra un pò saremo in grado di navigare nel web come si fa in alcuni film di fantascienza.
Il progetto, ancora in fase sperimentale, vede l'utilizzo di un casco con due display separati, uno per ogni occhio, di modo da permettere la visualizzazione 3D delle immagini, e dei guanti speciali che permettono l'interazione delle mani con la realtà virtuale presente su schermo. sarà quindi possibile interagire con oggetti, campi di inserimento, materiale multimediale, tutti gli oggetti presenti sulle pagine web.

Jailbreak dei Google Glass possibile!

google-glass-hackedIl creatore di Cydia noto come Saurik, alias Jay Freeman è riuscito in un paio d'ore e durante una cena tra amici a sbloccare completamente il dispositivo Google Glass dopo aver ricevuto i permessi di root. Egli afferma che sia stata un'operazione non troppo impegnativa, riuscendo ad ottenere il pieno controllo delle parti audio e ottica sfruttando un bug di sistema, mentre era circondato da distrazioni.
Sicuramente Google reagirà a questa crescente curiosità che si fa strada tra gli sviluppatori più affermati, dato che in questo modo sarà forse possibile rendersi indipendenti dall'azienda che, ricordiamolo, è in grado di disattivare il dispositivo a distanza se ci si imbatte in qualche divieto imposto dal contratto con l'acquirente.
Go to top